Perché tradiamo?

Ma Perché tradiamo? E perchè siamo portati a mancare di rispetto alla nostra dolce metà nonostante l’amore e l’affetto che ci lega?

Questo se lo sono chiesti in molti e studiosi e psicoterapeuti hanno finalmente risposto a questa domanda.Per prima cosa va detto che, il tradimento nasce da una necessità di rivivere il corteggiamento, qualcosa che manca o che non si ha più la percezione di avere nella coppia e che si cerca altrove. Naturalmente questa teoria ha però molteplici aspetti, perché si può parlare sia del traditore/traditrice seriale, che è incorreggibile, sia del traditore/traditrice occasionale che si trova nella circostanza favorevole e ne approfitta. Il primo caso è quasi fuori da ogni terapia o volontà di cura, il secondo potrebbe essere gestito agevolmente all’interno della coppia.

Inoltre è bene tenere a mente che, l’uomo che tradisce, di solito vive il proprio tradimento con leggerezza con la scusa che si tratta di una necessità psicofisica. Al contrario, vive, però, il fatto di essere stato tradito con enorme sofferenza, perché viene messa in discussione la sua proprietà e il suo territorio. Invece, per quanto riguarda le donne, un tradimento subìto, può rivelarsi un terribile attacco alla propria autostima e, quindi, può produrre sofferenza e disagio fino alla malattia.

loading...

Helen Fisher, una studiosa americana di Antropologia e di Biologia, ha trattato spesso questo argomento e ha fatto numerosi studi arrivando a definire che da una ricerca emerge che l’amore non è uno stato d’animo, né tantomeno un’emozione, che va dalla meno intensa alla più intensa; l’amore è una pulsione, un istinto, pari all’esigenza del mangiare, del bere, di ottenere una promozione e di accudire i nostri piccoli.”Ciò che ci induce ad innamorarci è, quindi, un bisogno fisiologico”. Dalla ricerca emerge che esistono tre sistemi cerebrali interconnessi, che si sono evoluti dall’accoppiamento e dalla riproduzione: l’innamoramento – il piacere fisico – l’attaccamento. Su questo argomento sono intervenuti anche altri studiosi che hanno detto che: Questi tre sistemi cerebrali: il piacere fisico, l’innamoramento e l’attaccamento non vanno sempre d’accordo.

Ecco perché il sesso casuale non é così casuale. Con l’orgasmo hai un picco di dopamina. La dopamina é associata all’ innamoramento e ci si può innamorare anche di una persona con cui fai sesso solo quando capita”.

LEGGI ANCHE: I 5 ingiustificabili motivi per cui gli uomini tradiscono le donne

“Con il piacere intenso arriva una scarica di ossitocina e vasopressina, che sono associati all’attaccamento: ecco perché si può provare una sensazione di unione completa dopo aver fatto sesso con qualcuno. Ma questi tre sistemi: il piacere fisico, l’innamoramento e l’attaccamento, non sono sempre connessi l’uno all’altro”.

Loading...

“Puoi sentire un profondo attaccamento ad un partner di lunga data, mentre sei innamorato di qualcun altro, e hai un desiderio sessuale nei confronti di un altro ancora. In breve, possiamo amare più di una persona alla volta”.

Helen Fishe dice che: “In effetti, di notte, stando a letto si può passare da sentimenti d’attaccamento per una persona all’innamoramento per qualcun altro”.

“È come se ci fosse un comitato riunito nella tua testa mentre decidi cosa fare. Onestamente non penso che siamo animali programmati per essere felici; siamo animali costruiti per riprodursi. Penso che godiamo della felicità che creiamo e ad ogni modo penso anche che possiamo dar origine a buone coppie”.

Oltre agli esperti però molti altri si sono chiesti come mai ci sia così tanta propensione aò tradimento e proprio Reddit, una celebre piattaforma americana di scambio culturale e sociale, ha di recente raccolto i pareri di alcuni utenti che si sono ritrovati nella posizione di tradire il loro compagno o la loro compagna.

Dalle risposte è emerso che molti tradiscono anche per molteplici motivi come: 1) la categoria che tradisce per vendetta: questa categoria di fedifraghi agisce giustificando la propria azione come un pareggiamento di conti: “Ero di stanza in Iraq e mia moglie mi ha tradito tre volte. È stata lei a dirmelo. Ho sofferto così tanto che ho deciso di fargliela pagare”.

2) Tradimento per insicurezza: Per il ricercatore Kristen Mark dell’Indiana University a prescindere dal carattere, dallo status economico e dall’intesa di un individuo col partner, ciò che ci rende dei traditore seriali o dei fedelissimi è il rapporto psicologico con il rapporto fisico.

Quindi per gli uomini, l’insicurezza sotto le lenzuola rende più inclini al tradimento. Mentre, viceversa, una donna che vive nel timore di contrarre malattie o restare incinta tradirà molto meno. L’ansia da prestazione e l’insicurezza sarebbero il primo gradino verso l’infedeltà secondo Mark “per queste persone è più facile e rilassante relazionarsi con una sconosciuta, che nulla sa del loro passato intimo”.

Sia per gli uomini che per le donne, comunque, ansia da prestazione e paura di non essere all’altezza amplificano la tendenza all’infedeltà: il timore di “fare cilecca” (per lui) o la paura di non raggiungere l’orgasmo (per lei) rendono dell’8% più fedifraga la donna a del 6% più “farfallone” l’uomo.

“Capire a fondo la personalità sessuale è indispensabile per comprendere i meccanismi dell’infedeltà e permette di ottenere dati sul tradimento più attendibili di quelli ottenuti finora con calcoli demografici”, spiega Mark.

Ancora, secondo una nuova ricerca, la tentazione al tradimento occupa i pensieri di molte coppie, soprattutto fra i trenta e i quarant’anni.

Secondo i dati il 48% dei tradimenti avviene fra i quaranta e i quarantacinque anni: un arco di tempo che di solito segna una riflessione esistenziale importante. Entrare negli anta segna il passaggio definito dalla giovinezza alla maturità e spesso è proprio questo ciò che si fa fatica ad accettare.

Loading...

Author: Se red

Share This Post On